cosa-sono-le-azioni

Cosa sono le azioni

Sicuramente almeno una volta ti sarà capitato di imbatterti nella parola “azioni” o “azionista” riferito ai mercati finanziari. Ma cosa sono in pratica le azioni?

Le azioni sono le singole parti unitarie in cui è diviso il capitale delle società per azioni. Il titolare di un’azione, quindi, possiede un “pezzetto” della società, con tutti i diritti e gli oneri.

https://www.consob.it/web/investor-education/le-azioni

Stando quindi alla definizione possiamo dire che possedere azioni di una certa azienda corrisponde a possederne una quota.

Se per esempio possediamo 100 azioni Apple significa che siamo proprietari di 100 quote societarie.

Qual è quindi la nostra quota all’interno dell’azienda? Per saperlo è necessario conoscere il numero totale di azioni in circolazione per l’azienda in questione, questo perché ogni società può decidere in quante azioni suddividere il proprio capitale.

Se prendiamo per esempio Apple ad oggi sono in circolazione un totale di 16.406.397.000 azioni. Possedere 100 azioni equivale a possedere lo 0,000000609518348% della società.

Quali sono i vantaggi di possedere azioni per un investitore retail?

Innanzitutto per investitore retail si intende:

Sono investitori “retail” i risparmiatori – anche imprese, società o altri enti – che non sono qualificabili come clienti professionali. Si tratta, in sostanza, dei comuni risparmiatori che si rivolgono agli intermediari per effettuare i propri investimenti.

https://www.acf.consob.it/glossario/-/asset_publisher/cThPbj4ayk1c/content/investitore-retail

Il motivo principale per cui dovresti voler investire in azioni è per ottenere un profitto.

Esistono due tipi di profitto che puoi ottenere dal possedere azioni:

  • Guadagno in conto capitale
  • Rendita da dividendi

Per guadagno in conto capitale si intende il naturale apprezzamento di un titolo.

Per esempio oggi compro 100 azioni Apple con un valore pari a 100€ ad azione, questo corrisponderà a un capitale investito di 10.000€.

Se dopo un anno una singola azione vale 105€ il mio investimento varrà ora 10.500€. Qualora decidessi di vendere il 100% delle mie azioni avrei un guadagno di 500€ rispetto all’investimento iniziale di 10.000€.

Le aziende possono anche decidere (non sono obbligate a farlo) di redistribuire agli azionisti una parte degli utili aziendali.

Se Apple al termine dell’anno avesse totalizzato 1.000.000.000€ di utili potrebbe decidere di o reinvestirli all’interno dell’azienda (quindi di non distribuire dividendi) oppure di redistribuirne una parte agli azionisti.

Supponiamo che decida di redistribuire il 50% degli utili quindi 500.000.000€.

Questi 500.000.000€ verrebbero quindi suddivisi per il numero di azioni in circolazione: 500.000.000/16.406.397.000 = 0,03€. Ogni azionista riceverebbe quindi 0.03€ per ogni azione posseduta.

Nel caso quindi delle 100 azioni possedute riceveremo 100×0,03 = 3€ di dividendo.

Un altro vantaggio nel possedere azioni è la possibilità di prendere parte ad alcune decisioni aziendali.

In quanto proprietari di quote societarie abbiamo accesso alle assemblee degli azionisti in cui determinate decisioni vengono messe al voto. Gli azionisti possono esprimersi a favore o contro e determinare quindi l’esito della votazione.

Ma quanto vale il nostro voto? Ogni azione posseduta corrisponde a 1 voto.

Votare a favore di una determinata decisione possedendo 100 azioni significa portare 100 voti a favore.

Non è obbligatorio per un azionista partecipare alle assemblee.

Un ultimo vantaggio è sicuramente quello di poter slegare la crescita del proprio capitale dal nostro tempo.

Un dipendente viene generalmente pagato in base alle ore che lavora mentre in questo caso il nostro capitale può aumentare (o diminuire) indipendentemente da quanto tempo decideremo di dedicare a questa attività.

Quali sono i rischi nel possedere azioni?

Il più grande rischio in assoluto è quello di perdere parte o addirittura tutto il capitale investito.

Riprendendo l’esempio visto sopra, se io compro 100 azioni Apple a 100€ l’una avrò investito 10.000€.

Se dopo un anno però una singola azione vale 90€ il valore del mio investimento sarà ora di 9.000€, 1.000€ in meno rispetto a quelli che ho inizialmente investito.

Va precisato che una perdita (così come un guadagno) rimane potenziale fino a che non si decide di vendere.

Se dopo un anno a fronte di una perdita potenziale di 1.000€ decidessi di mantenere per un altro anno le azioni e queste al termine del secondo valessero 110€ ad azione, il mio capitale sarebbe ora di 11.000€.

Quando decidiamo di investire del capitale in un’azione dobbiamo essere pronti a sopportare della volatilità. Dobbiamo avere una strategia di investimento chiara ed essere consci di quali sono i rischi.

Potenzialmente è anche possibile perdere l’intero capitale investito nel caso in cui l’azienda fallisca.

In caso di fallimento dell’azienda andremo a perdere l’intero capitale investito.

Generalmente un’azienda non fallisce dall’oggi al domani. Questo ci dà la possibilità di liquidare la nostra posizione (anche se in perdita) prima di perdere per intero il capitale investito.

Diventa quindi di fondamentale importanza tenere monitorate le aziende su cui decidiamo di investire per capire in che direzione sta andando.

Pur essendo di fatto soci dell’azienda questo non significa che in caso di fallimento dovremmo in alcun modo risponderne. In quanto investitori non avremo alcun incarico e/o responsabilità all’interno dell’azienda. L’unica cosa a rischio è il nostro capitale investito.

Qual è il metodo più affidabile per capire se un’azione aumenterà di prezzo?

Sono certo che come me anche tu avrai visto milioni di annunci sul web in cui ti viene proposto, alla modica cifra di 4.999€ + IVA, l’acquisto di un corso che ti insegna il metodo infallibile per guadagnare infiniti soldi investendo sui mercati.

Purtroppo mi dispiace deluderti ma non esiste alcun metodo che possa garantire il risultato di un investimento.

Non esiste alcuna formula magica che riesca a predire con un’accuratezza del 100% se l’azione che hai comprato nel prossimo anno aumenterà o perderà di valore.

Nel momento in cui decidi di investire in un’azienda ti stai assumendo un rischio, il rischio di vedere il tuo capitale ridursi drasticamente.

Fatta questa doverosa premessa posso però dirti che esistono tecniche di investimento che permettono di selezionare titoli che hanno una buona probabilità di performare bene nel tempo. Probabilità, non certezza. Ma questo argomento non è oggetto di questo di post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *